Il pensiero é generativo e crea la realtá.

 

 

 

 

 

 

 

La formulazione delle focalizzazione è uno dei momenti più delicati, perchè riflette quanto sono chiare dentro di noi. Le focalizzazioni per essere efficaci vanno formulate in modo chiaro, positivo e preciso.
 
In generale sono da escludersi:
- i verbi che indicano un impegno o uno sforzo (in accordo con la legge del flusso, noi partecipiamo alla creazione in modo fluido
- i verbi che indicano una concessione o un permesso verso se stessi (non si tratta di auto-concedersi qualcosa ma di creare consapevolmente l'esperienza)
- i verbi che indicano una volontà o una scelta (esprimono una scelta definita, ma non ancora un cambiamento già avvenuto interiormente).
 
 
La focalizzazione esprime uno stato compiuto che è dapprima interiore e poi diventa esteriore.
 
Focalizzare il pensiero significa dapprima visualizzare intenzionalmente l’immagine mentale corrispondente a quel pensiero, in seguito sentirla in se stessi e quindi viverla sotto forma di esperienza interiore come se fosse una realtà già manifesta.
 
 
 
 
Prendi un foglio di carta ed una penna. Quando scrivi le tue focalizzazioni tieni a mente che:
  1. Ciò che desideri è per te stesso e/o per il benessere di altre persone (intento in accordo con le leggi universali);
  2. La focalizzazione avviene dopo aver selezionato ciò che desideri nel profondo di te stesso/a, ascoltando in apertura del cuore ciò che è veramente importante;
  3. La focalizzazione esprime un obiettivo con un riscontro concreto applicabile alla realtà e va formulata in modo chiaro e preciso.
 

Consigliamo di dedicare tutto il tempo necessario alla formulazione con particolare attenzione ai seguenti criteri e indicazioni:

LA MOTIVAZIONE

Il primo passo è chiarire dentro se stessi qual è la motivazione che spinge a desiderare la realizzazione di un determinato obiettivo. Quando la motivazione o intento è coerente con il proprio benessere e con quello degli altri esseri viventi, in accordo con le leggi universali, l'energia sprigionata è allineata al cuore, quindi la più potente che esiste.


IL TEMPO

Il secondo passo è indicare nella formulazione una scadenza temporale. Il tempo indicato è quello che dentro di sé si ritiene possibile.


IL LUOGO

Il terzo passo è l'indicazione del luogo in cui si desidera realizzare la focalizzazione, se è importante come luogo della realizzazione.
 
 
LA FORMULAZIONE - ESEMPI PRATICI 
 
Quanto più la focalizzazione è chiara, essenziale e breve tanto più il focus è potente (chiarezza di intento). Le formulazioni vanno formulate al tempo presente (l'unico momento che esiste è il qui e ora), senza negazioni e in termini positivi (altrimenti il focus va sulle parole di vibrazione negativa, in primis sui sostantivi).
 
Seguono alcuni esempi di formulazioni selezionate dal web:
 
Es. 1: Sono pronta ad imparare nuovi modi di vivere e di pensare
 
In questa formulazione manca il soggetto e la parte "sono pronta" non è incisisa per esprimere una trasformazione già avvenuta interiormente. Scriviamo l'Affermazione Focalizzata che esprime lo Stato di Essere (rappresenta lo stato interiore a cui allinearsi per attirare situazioni coerenti con il proprio intento).
 
Aff. foc. Io Sono aperta al nuovo - Io Sono aperta a nuove prospettive/culture - Io Sono Apertura
 
scriviamo ora la Focalizzazione Obiettivo che esprime concretamente l'obiettivo: 
 
Foc. ob. Io imparo nuovi modi di vivere e di pensare orientali, per arricchire di nuovi impulsi il mio percorso di evoluzione. 
 
In questa fase aggiungiamo in corsivo anche la motivazione per osservare e percepire se è vera interiormente. In una fase più avanzata si può anche tralasciare.
 
Possiamo dare più movimento e vitalità alla nostra focalizzazione in modo che sia facilmente visualizzabile, percependola interiormente come esperienza. Per essere più precisi introduciamo una scadenza temporale per definire il tempo entro cui manifestare l'esperienza.
 
Foc. ob. Nel 2020 io viaggio nel Mediterraneo per apprendere gli insegnamenti di civiltà passate.
 
In quest'ultimo caso per dare più chiarezza abbiamo aggiunto sia il tempo che il luogo, il tempo è sempre al presente. La motivazione è espressa in corsivo e riflette ciò che è importante per noi stessi, nel nostro cuore anche per una nostra crescita interiore.
 
__
Es. 2: Mi concedo del tempo per giocare con i miei bambini

Questa formulazione esprime mancanza di ciò che si vorrebbe avere: tempo. Non si tratta di una concessione verso se stessi, bensì di una creazione cosciente di un'esperienza attraverso il pensiero. Aggiungiamo infine anche il soggetto che è stato omesso.
 
Aff. foc. Io Sono Gioco - Io Sono Spensieratezza - Io sono presente nella vita dei miei bambini
 
Foc. ob. Io gioco con i miei bambini, per donare loro affetto, attenzioni e cure e per sentire il loro amore.
 
Possiamo ancor formulare in modo sempre più preciso aggiungendo il tempo e il luogo
 
Foc. ob. Io gioco al parco con i miei bambini ogni martedì e ogni giovedì, per trascorrere con loro del tempo all'aria aperta.
 
__
Es. 3: Scelgo di formulare pensieri di armonia, per lavorare in un'atmosfera armoniosa.
 
In questa formulazione il verbo scegliere definisce una scelta, ma non richiama un'esperienza interiore completa. Iniziamo a riformulare, ripartendo dallo stato di essere.
 
Aff. foc. Io Sono Armonia - Io sono Serenità - Io Sono Pace
 
Foc. ob. Io lavoro in un'atmosfera armoniosa per il mio benessere e il mio rendimento lavorativo.
 
La formulazione generale può essere affinata diventando ancora più specifici, aggiungendo il lavoro desiderato, il tempo e il luogo.
 
Foc. ob. Entro marzo 2020 io lavoro in un clima armonioso presso un centro di educazione a Milano, per portare amore e consapevolezze alle future generazioni. 
 
__
Es. 4: Io dispongo di tutto il tempo, lo spazio e l'energia di cui ho bisogno per compiere ciò che è importante.
 
In questa formulazione anzichè esprimere pienezza, inconsciamente si esprime mancanza di tempo, spazio ed energia. Inoltre la frase è dispersiva (molti focus) e statica (nel senso che non esprime movimento). Non è quindi facilmente visualizzabile in modo univoco. Iniziamo a riformulare, ripartendo dallo stato di essere.
 
Aff. foc. Io Sono Calma - Io Sono Efficienza - Io Sono Efficacia - Io Sono Organizzazione
 
Riscriviamo la focalizzazione mantenendo il significato letterale, dando una forte motivazione.
 
Foc. ob. Io compio tutto ciò che è importante con entusiamo in un luogo confortevole, per dedicarmi a me stessa, ai miei interessi e alle persone che amo.
 
Riscriviamo la focalizzazione ancora in termini generali, se riferita ad un lavoro specifico da compiere.
 
Foc. ob. Io svolgo il mio lavoro con entusiasmo a casa e in ufficio, per stare vicino ai miei bambini.
 
oppure
 
Foc. ob. Io completo la mia ricerca con entusiasmo, per concludere i miei studi.
 
e affinando in un caso specifico
 
Foc. ob. A settembre 2020 concludo la mia tesi di laurea.
 
__
Es. 5: Non voglio più avere problemi ad arrivare a fine mese. (espress. in negativo)
 
Questa formulazione come esempio negativo è stata trasformata in:
 
I soldi arriveranno facilmente e pagherò tranquillamente ogni spesa.
 
Come la precedente, anche se apparentemente positiva, questa formulazione presenta dei termini con un focus che porta ad uscite finanziarie: in primo luogo il sostantivo "ogni spesa" e poi "pagherò". Inoltre i verbi sono al futuro, per cui non è molto incisiva. Gli avverbi "facilmente" e "tranquillamente" evidenziano in questo contesto poca stabilità emozionale rispetto alla situazione che necessiterebbe di maggiore calma e centratura per comprenderne le reali cause.
 
Riscriviamo partendo dallo stato di essere da raggiungere per attirare situazioni favorevoli sia in ambito economico-finanziario, sia in tutti gli ambiti di esistenza.
 
Aff. foc. Io Sono Abbondanza - Io Sono Benessere - Io Sono Prosperità.
 
Foc. ob. Io ricevo abbondanza, per vivere in pienezza la mia vita.
 
entrando più nello specifico si può anche esplicitare una somma di denaro precisa che ha una determinata finalità:
 
Foc. ob. Io ricevo tot. € entro giugno 2020, per supportare l'operato dei volontari.
 
Si può essere molto definiti e specifici nella formulazione, definendo con chiarezza la finalità. Può essere un fine che riguarda se stessi o gli altri. Ricordiamo che ciò che conta è sempre la natura dell'intento alla base della focalizzazione che sia in risonanza nel cuore.
 
__
Es. 6: Non ho più paura di parlare in pubblico.
 
Questa formulazione come esempio negativo è stata trasformata in:
 
Ho piena fiducia nelle mie capacità di parlare tranquillamente in pubblico con calma e con chiarezza.
 
Similmente all'Es. 4 anzichè esprimere pienezza, si esprimee involontariamente mancanza di fiducia nelle proprie capacità di parlare in pubblico. L'avverbio "tranquillamente" fa emergere una situazione in cui ci si dovrebbe tranquillizzare. Ripartiamo insieme dallo stato di Essere. 
 
Aff. foc. Io Sono Calma - Io Sono Chiarezza - Io Sono Apertura - Io Sono Fiducia.
 
Foc. Ob. Io parlo con calma e con chiarezza in pubblico, per comunicare la mia ricerca, i miei interessi.
 
Anche in quest'ultimo caso, semplicemente riformulando si esprime un'azione, dando alla frase quel movimento che è più facilmente visualizzabile per sentire, vivere l'esperienza interiore che precede la manifestazione fisica. Dapprima ci si visualizza parlare in pubblico, percependo la gioia dello scambio e dell'apertura, in seguito lo si vive interiormente intensamente sino a manifestare quella possibilità nella propria vita.
 
Possiamo ancora esplicitare meglio con un caso concreto, aggiungendo con maggiore precisione il tempo e il luogo.
 
Foc. Ob. Il 23 maggio 2020 io mi esibisco con grazia e con gratitudine alla Scala di Milano, per esordire nel corpo di ballo del teatro.
__
Continuiamo ora la trattazione della formulazione delle focalizzazioni obiettivo nel rispetto del libero arbitrio e in accordo con le leggi universali.
 

 
 
Per riprendere la prima parte ritorna all'introduzione: